Visitare il Colosseo in sedia a rotelle

7
76
Come visitare il colosseo in sedia a rotelle

Andrea Chandra mi ha chiesto tantissime volte di portarla al Colosseo e, dopo tante richieste, due anni fa l’ho accontentata. Diciamo che a frenarmi era soprattutto l’idea che visitare il Colosseo in sedia a rotelle potesse risultare difficile. Con molta sorpresa non è così. La visita del Colosseo in sedia a rotelle è una cosa meravigliosa. Certo non si può andare proprio ovunque ma si può vedere moltissimo.

Accessibilità del Colosseo in sedia a rotelle

L’accesso per disabili in sedia a rotelle al Colosseo di Roma è sicuramente reso più agevole dal fatto che non ci sono scalini in ingresso. Inoltre non siamo tenuti a fare le code. Per prendere il biglietto potete andare davanti alla biglietteria e chiedere a una delle guardie giurate di chiedere i biglietti, se siete con accompagnatore potrà andare con la guardia. Inoltre per entrare vi mostreranno l’ingresso laterale, quello che viene utilizzato in genere per i gruppi numerosi. Salvo casi eccezionali non dovrete aspettare. All’interno non ci sono scalini da fare. Io mi aspettavo di dover rimanere al piano terra, accontendomi di vedere il colosseo dal basso.

Invece c’è una bellissima ascensore, presa d’assalto anche da chi le scale potrebbe farle, per la quale avete la priorità. Così sono salita al piano superiore senza fatica. In alcuni punti ci sono degli scalini, logicamente lì non sono andata, ma ho girato comunque molto bene per tutto il piano, dentro e fuori dagli archi. Una volta arrivate ​​al piano superiore abbiamo avuto una vista meravigliosa degli interni del Colosseo. Volendo si possono raggiungere gli interni anche dal piano terra, ma ci sono dei metri da percorrere sul ciotolato. Io avevo un Triride, quindi ero un po’ agevolata, fossi stata a spinta sarebbe stato più difficile.

Cosa vedere vicino al Colosseo in sedia a rotelle

Il biglietto per il Colosseo comprende anche quello dei Fori. In realtà qui l’accessibilità non è bellissima. Il percorso è stretto, i ciottoli sono sconnessi e spesso tra uno e l’altro ci sono profondi solchi. Anche qui il Triride è stato molto utile, ma la mia schiena ha comunque risentito della fatica il giorno dopo. Ma una volta lì non si poteva non vedere anche quella parte di Roma Antica.

Ti è piaciuto questo post? A breve uscirà una mia nuova guida su una bellissima città tutta da girare in sedia a rotelle. Se vuoi riceverla iscriviti alla mia newsletter.

Se invece vuoi una mano a organizzare il tuo viaggio a Roma, posso aiutarti con una consulenza personalizzata e accessibile.

7 COMMENTS

  1. Sono felice che tu sia riuscita ad accontentare tua figlia. E sono piacevolmente colpita dal fatto che il Colosseo sia stato reso accessibile.

  2. Il Colosseo è sempre stato, per me, uno di quei luoghi dove non si potesse girare bene per chi come te deve muoversi con carozzella. Ma vedo che anche gli antichi edifici possono essere adattati e resi accessibili a tutti! Spero ti sia goduta la bellezza del Colosseo: io non me l’aspettavo ma è stato uno di quei luoghi romani dove ho lasciato il cuore!

  3. Sono andato tantissime volte a Roma, anche al colosseo. Ho visitato tutti siti nei dintorni, ma mai all’interno del colosseo. File interminabili. Sono felice che ci siano gli strumenti per rendere accessibile a tutti un’opera così unica al mondo. Non lo sapevo. Grazie dell’articolo

  4. Il colosseo accessibile è una bellissima notizia, siamo abituati a trovare ostacoli anche nei marciapiedi, almeno l’arte e chi se ne occupa, ci stupisce in positivo!

  5. La cosa che mi ha fatta riflettere leggendo il tuo articolo è che sono rimasta… sorpresa di scoprire che il Colosseo è un monumento accessibile “come si deve”. Per fortuna che il nostro pregiudizio sull’Italia che fa notizia per disservizi e barriere architettoniche ogni tanto viene smentito 🙂

  6. Sempre molto interessanti e utili questi articolo dove descrivi l’accessibilità dei posti. Il Colosseo è sicuramente una di quei monumenti che dovrebbe essere accessibile a tutti, quindi sono contenta che tu sia riuscita ad andarci con tua figlia. Spero che anche in altri posti dove non hanno molto riguardo all’accessibilità si aggiornino e si adeguino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here