Vilnius e Frank Zappa raccontato a Chandra

39
60
il busto del monumento a Frank Zappa a Vilnius

Viaggiare è un modo per conoscere mondi e culture. E capita, qualche volta, di imbattersi, quasi per caso, in monumenti che permettono a generazioni diverse di scoprire temi importanti e di poterne parlare in modo leggero. E’ successo per me e Andrea Chandra con il monumento di Frank Zappa a Vilnius.

Chi era Frank Zappa?

Un musicista, ma anche un discografico, un chitarrista, un produttore cinematografico, uno scrittore, un artista, un direttore d’orchestra. E tanto altro. Frank Zappa non può non essere considerato uno dei mostri della musica internazionale. Una persona che ha fatto della lotta alla censura nella musica la sua battaglia. Un rivoluzionario, una persona che è stata capace di mostrarsi sopra le righe, senza paura di essere giudicato per quello che era.

I murales del monumento a Frank Zappa a Vilnius

Il monumento di Frank Zappa a Vilnius

Sarà stato forse per questo suo essere rivoluzionario che, nel 1993, l’allora giovane sindaco di Villnius, città lituana all’epoca appena uscita, dopo una dura lotta, dall’oppressione comunista russa, decise di dedicare a Frank Zappa un monumeto. Una piccola statua, un mezzo busto in realtà nemmeno molto somigliante, in una piccola piazzetta, che passa inosservata se non andate a cercarla. L’indirizzo esatto è K. Kalinausko gatve 1, nella città nuova.

Generazioni a confronto: Frank Zappa e Andrea Chandra

Logicamente ho dovuto spiegare a Chandra chi fosse e perché ci fosse un monumento a Frank Zappa a Vilnius. Soprattutto spiegarle perché, dal centro, l’avevo fatta camminare per 40 minuti per arrivarci. Ho provato a farle ascoltare alcune canzoni, ma ho dovuto interrompere dopo pochi minuti, perché non era nelle sue corde. Altra generazione, altro orecchio musicale, altra cultura della musica. Ma i temi di fondo no, quelli non sono generazionali. L’essere sempre se stesso, bandiera di Frank Zappa, non è una moda musicale che passa. E lottare per questo è compito di ognuno di noi. Vilnius era la prima delle capitali baltiche dell’ex impero comunista che avremmo visitato. Era quella dove nel 1992 c’era stato lo scontro peggiore, che ha portato a 14 morti alla Torre della Tv. Era il posto per spiegare a Chandra cosa l’essere umano può fare per ideologia e cosa può fare per coerenza con i propri principi. E adesso Chandra, a 9 anni, sa che si può lottare per i propri ideali e principi, anche senza uccidere, come ha fatto Frank Zappa. Ma sa anche se se qualcuno ti aggredisce con la forza, reagire con la forza è doveroso, come ha fatto il popolo di Vilnius nel 1992. E questa consapevolezza è già una piccola rivoluzione nel mondo di una bambina di 9 anni.

Davanti al Monumento a Frank Zappa a Vilnius

Se questo articolo vi è piaciuto potete iscrivervi alla newsletter per ricevere altre notizie sui posti che visito.

39 COMMENTS

  1. Che bello che ai portato con te tu figlia, la stai arricchendo culturalmente, è molto fortunata a poter viaggiare così tanto, hai fatto bene a far conoscere questo artista a tua figlia.

  2. Frank Zappa è uno dei chitarristi entrati nella storia, questo articolo mi è piaciuto ed è davvero interessante perché mi ha portato alla scoperta di luoghi davvero unici. Viaggiare arricchisce davvero!

  3. Hai ragione!!! Poi quando i piccoli vengono stimolati così, tramite i vivere, il toccare l’arte, assimilano meglio certi messaggi importanti rispetto al vederli su un libro.

  4. Viaggiare penso sia il più bel regalo che possiamo fare ai nostri bambini. Noi di solito,se possiamo, organizziamo sempre un viagetto in occasione dei loro compleanni!

  5. Le arti possono fare veramente tanto, sia per gli adulti che per i più piccoli. Penso che tu abbia fatto benissimo a scrivere e andare vedere i monumenti dedicati a questi musicisti.

  6. Hai ragione viaggiare ci arricchisce. Bellissimo viaggio e bei posti, Un bel viaggio alla scoperta di questi musicisti e dell’arte. Molto bello questo articolo

  7. Invidio tua figlia, poter imparare la storia, la geografia viaggiando, credo sia la cosa più bella e intelligente da poter regalare ad una figlia. Frank Zappa è un mito, un chitarrista eccezionale, un uomo come ce ne sono pochi., io l’ho conosciuto grazie a mio marito, super fan di Zappa.

  8. I bambini vanno educati alla cultura fin da piccoli. Cultura musicale, cinematografica ma anche il più “semplice” amore per la scoperta di luoghi lontani e diversi dal nostro. Al momento non ha apprezzato, ma vedrai che col tempo, quando avrà l’esperienza per una sua cultura musicale, Zappa ci sarà. O comunque ci sarà il suo genere musicale. Anche per me è stato così. E adesso Zappa è uno dei grandi miti musicali (e non solo)

  9. Che bello avere una mamma che ti porta in giro e ti racconta queste cose interessanti! Hai fatto benissimo, è un’esperienza che sicuramente si ricorderà!

  10. Questa bimba ha l’immensa fortuna di vivere pezzi di storia che molti possono studiare solo attraverso i libri o internet. E’ fantastico!

  11. Grazie di questo post perchè mi hai fatto venire voglia di andare a (ri)ascoltare Frank Zappa. Piaceva tanto a mio padre e mi è capitato di ascoltare alcune delle sue canzoni, ma non conoscevo la sua storia.

  12. Penso che ciò che arricchisce di più un/a bambino/a sia “respirare cultura”, cioè andare col proprio genitore alla ricerca di personaggi e luoghi che parlano di cultura, sono ricordi indelebili

  13. sinceramente vorrei essere al posto di tua figlia…..fortunata poter viaggiare e scoprire tante cose nuove grazir a te….. tante cose che tanti bambini purtroppo non vedranno mai

  14. Non conoscevo minimamente questo personaggio, ma dalle svariate cose di cui si è occupato si capisce subito che la vena artistica ha avuto la meglio sìnella sua vita. Ho trovato molto interessante e completo il tuo articolo e mi è piaciuto approfire la sua conoscienza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here