Cosa regalare a un bambino autistico a Natale?

18
29
Cosa regalare a un bambino autistico a natale?

Questa è la domanda che una mamma mi ha fatto per email nei giorni scorsi. Una mamma che sa che tra i miei interessi c’è anche quello della pedagogia speciale. Una mamma con un bambino di 8 anni con autismo. 

Non esistono giochi per bambini disabili. Esistono giochi per bambini

Questo è il primo concetto che mi sento di sostenere in pieno. Non esistono giochi speciali per bambini disabili. Esistono giochi per bambini. Dobbiamo imparare a capire in cosa i bambini devono essere più stimolati e cercare di seguire quella direzione nella scelta dei giocattoli. Natale è un buon momento per aumentare il bagaglio di possibilità di gioco stimolante che i bambini autistici hanno durante ogni momento della loro vita. Quindi la cosa che mi sono sentita di dire alla mamma in questione è stata: osserva tuo figlio, cerca di capire cosa gli piace, cerca di capire dove ha più difficoltà e poi cerca lì. Sono le stesse cose che, volendo guardare, fa qualsiasi mamma quando deve scegliere dei regali per i figli. O almeno è quello che faccio io. 

Andrea Chandra: a Natale giochi con la matematica, giochi di strategia e le costruzioni

Mia figlia si annoia subito. Da sempre. Ha bisogno sempre di nuovi stimoli, di cose nuove da fare. Se dovessi stare a guardare i regali sugli scaffali dei supermercati e dei negozi butterei un mare di soldi, lei giocherebbe per dieci minuti e poi si stancherebbe. Con lei la strategia dei regali di Natale è ormai la stessa da qualche anno: costruzioni, giochi di strategia e giochi che implicano la matematica.

Perché regalare le costruzioni a un bambino che si annoia

Le costruzioni sono un modo per non annoiarsi. Una volta costruito il soggetto principale, seguendo le istruzioni di montaggio, si può smontare e ricominciare, si può fare qualcosa di diverso. Si possono unire diverse scatole di soggetti diversi e farne qualcosa di nuovo. Le costruzioni lasciano spazio alla fantasia, permettono ai bambini di costruire tante storie, sempre nuove e diverse. E da la possibilità a noi genitori di giocare con loro. Non è vero che le costruzioni sono solo per i bambini. Anche gli adulti possono giocare con le costruzioni. 

Regalare giochi di strategia per Natale ai bambini

Abbiamo iniziato un paio di anni fa. Con un banalissimo Monopoli. Che può sembrare un gioco “semplice”, in realtà richiede al bambino un grande sforzo di attenzione e anche una buona dose di capacità logica e strategica. Giocare con Monopoli ha permesso ad Andrea intanto di  sviluppare meglio le sue capacità matematiche. Ci sono i finti soldi da maneggiare, si deve fare il conto di quanto si spende e quanto resta. Le basi di prima e seconda elementare. Un ottimo esercizio che non si è accorta nemmeno di fare. Ma non solo Monopoli. Lo scorso anno le abbiamo regalato Catan. Un gioco dove l’obiettivo era quello di costruire un proprio regno. Quindi Andrea ha dovuto confrontarsi con i ragionamenti strategici: costruire una strada o meglio prima fare una città? 

Le carte memory e i video giochi per imparare le lingue

Un problema non semplice sono le lingue straniere. Con Andrea l’inglese. Per aiutarla a “digerire” questa cosa che proprio non andava giù (la domanda classica era “a cosa mi serve?”) abbiamo pensato a giochi in inglese. Lei ama molto i video giochi e per fortuna moltissimi usano termini in inglese, che ormai usa quasi in automatico. Il trucco è stato, ogni tanto, fare io la finta tonta e chiederle il significato di alcuni termini. Così da farle comprendere, praticamente da sola, che l’inglese lo può usare anche per divertirsi. E poi, per migliorare il vocabolario, le memory card. Ne esistono tantissimi tipi. Noi abbiamo scelto delle card semplici, con immagini e testo sotto. Purtroppo sul mercato italiano di queste cose si trova poco. L’importanza data all’inglese negli anni della scuola elementare è poca, all’estero si trova molto di più. Quindi usate Amazon e non abbiate paura.

In conclusione. Alla mamma ho risposto di fare un po’ come fanno tutte le mamme. Magari con un’attenzione in più, per evitare di regalare al bambino un gioco che lo agiti troppo o che lo chiuda di più. 

E voi? Che cosa regalerete ai vostri bambini per Natale? Seguite la letterina che preparano loro o seguite quello che credete più giusto per loro?

18 COMMENTS

  1. Ottimi spunti di riflessione. Qui non ci facciamo mancare nulla pur di non farlo rincretinire davanti alla tv o ad un tablet. Abbiamo diverse versioni di memo, e tanti Lego. Al’inizio tendeva a riprodurre quello che c’è sulla scatola, ora ha scoperto che può creare mille mondi diversi attingendo solo alla sua fantasia.

  2. Hai detto bene… non esistono giochi per bambini disabili, esistono solo giochi per bambini! In questa frase sono racchiuse un sacco di cose!
    E poi, secondo me, con le costruzioni non si sbaglia mai!

  3. Concordo con te non esistono giochi per bambini disabili, ma giochi per bambini. Anch’io ai miei quando erano piccoli li ho sempre regalato giochi che li aiutassero a sviluppare fantasia e manualità.

  4. Ottime riflessioni ..
    Io ho un caro amico autistico. Non è un bambino è un uomo adulto oramai, grande come me. Noi abbiamo da piccoli sempre usato gli stessi giochi .. E anche adesso se devo pensare ad un regalo per lui non mi pongo tanti problemi. Può piacergli o anche no, ma se non gli piace non è che non gli piace perchè è diverso da me. Abbiamo semplicemente un gusto differente su certe cose =)

    • In che senso? Io uso il termine ‘bambino’ generico non esistendo termine neutro in italiano. E mia figlia si chiama Andrea ma è femmina. Le costruzioni sono un bellissimo regalo. Questa è la verità. Anche per gli/le adulti/e

  5. Sofia voglio farti I complimenti per questo scritto, credo che sia l’articolo più bello che tu abbia fatto per ora, a mio parere. “Non esistono giochi per bambini autistici, esistono giochi per bambini”…. che purezza questa frase…

  6. per la mia piccola tess che ha cinque anni e che adora i lego ecco che arriveranno la casa sull’albero di lego friends comprata a un prezzo bassissimo su amazon e la camera di stephanie

  7. Ottimi questi consigli, io adoro questi giochi che chiamo “attivi” perchè attivano la memoria, o attivano i sensi o semplicemente attivano la mente. fra tutti, tornerei bambina solo per i giochi delle costruzioni

  8. anche io penso che non ci siano distinzioni di giochi….. Tra l’altro i bambini autistici sono molto intelligenti….. quindi…..

  9. Quando mio figlio era piccolo cercavamo di seguire la lista che scriveva nella Letterina a Santa Lucia. Ma poi aggiungevamo una sorpresa più adatta alla sua passione: i giochi di logica.

  10. Articolo molto bello, è importante regalare un gioco utile e affine agli interessi del bambino, che abbia bisogno di piu o meno attenzioni.

    Proprio in questo periodo sto guardando la serie tv Atypical, che tratta proprio di un ragazzo autistico. Non ero molto informata, conoscevo l’autismo solo a grandi linee.. beh serie tv interessante, che ti apre un mondo.

    Rispondendo alla domanda dell’articolo a mia figlia il regalo lo scegliamo noi, avendo solamente 14 mesi, ma ha gia varie serie di costruzioni!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here