A Pasqua a Praga in sedia a rotelle

19
15
Andare a Praga per Pasqua in sedia a rotelle

A Praga sono stata in altri periodi dell’anno: la prima volta era luglio, poi settembre e anche una volta per Natale. Ogni volta ho scovato qualcosa di nuovo e di interessante, anche se Praga non è una città facile in sedia a rotelle. La prima volta con me avevo mia figlia Pamela che mi ha aiutata oltre al Triride, che porto sempre con me ed è da solo un valido aiuto in tante situazioni.

L’accessibilità di Praga: qualche considerazione

Praga è la capitale e centro politico e culturale della Repubblica Ceca. Ha una storia di oltre 1.000 anni ed è giustamente una delle migliori destinazioni turistiche in Europa. Il centro città è un patrimonio mondiale dell’UNESCO e vanta attrazioni come la Piazza della Città Vecchia, l’Orologio astronomico e il quartiere ebraico. La città è moderatamente accessibile agli utenti di sedie a rotelle, per via della sua struttura medievale, con strade a ciotoloni e parecchi marciapiedi stretti o con gradini. Andare in giro è relativamente facile con il sistema di trasporto pubblico, che però è parzialmente accessibile. Io ho provato la metropolitana di Praga e mi sono trovata molto bene in realtà, con una larga carrozza, sempre situata a fondo treno, con spazio sia per più di una sedia a rotelle che per i relativi accompagnatori. La città è relativamente economica (rispetto a città come Amsterdam, Londra e Parigi) e offre ai turisti un grande valore. Se sei avverso al freddo, tieni lontano durante i mesi invernali.

La piazza della città Vecchia di Praga

La Piazza della Città Vecchia è una storica piazza pubblica nel centro della città e nel centro storico. La piazza è una delle attrazioni turistiche più famose della città, dovuta in gran parte alle strutture che la circondano.

la piazza di città vecchia a Praga

La piazza serve anche come host per i mercatini di Natale (di cui vi ho parlato in mercatini di natale a Praga e accessibilità) e Pasqua.

La torre dell’Orologio del Municipio accessibile anche in sedia a rotelle

Nella parte alta della Torre dell’Orologio del Municipio di Praga c’è un’area panoramica accessibile. Questa torre si trova a un’estremità della Piazza della Città Vecchia, proprio di fronte alla Chiesa di Nostra Signora di Tyn. Le sedie a rotelle possono arrivare in cima alla torre, ma saranno costrette a guardare fuori da dietro le pareti di vetro, perché il ponte esterno è troppo piccolo per essere accessibile ai disabili. Il problema principale però è entrare nella torre. L’ingresso principale, a sinistra della torre, richiede l’uso di gradini. Il personale può aiutarti ad attraversare un’altra porta posizionando una rampa portatile, ma dovrai capire come attirare la loro attenzione. Potete avvalervi del vostro accompagnatore, che potrebbe entrare e chiedere aiuto per voi, oppure chiedere a qualche turista. Chiedere non fa male se serve, l’ho scritto anche in uno dei punti della mia guida ai viaggi accessibili. Con un ascensore potrete arrivare in cima alla torre. L’ascensore era abbastanza grande per la mia sedia a rotelle e altre 4 persone, ma richiedeva alcune abili manovre. Dovrai raggiungere l’ascensore tramite un montascale elettronico. Nonostante le difficoltà ho apprezzato gli sforzi fatti per aprire la torre a tutti, anche se limitati dal fatto che alcune delle costruzioni originali del municipio risalgono al XV secolo.

Il Castello di Praga

Il complesso del Castello di Praga risale al IX secolo, ma la maggior parte delle strutture attualmente esistenti non sono state costruite prima del 1880. Il castello è stato residenza di re, imperatori e poi presidenti dei vari imperi e governi che hanno governato l’area. Gli attuali inquilini sono il Presidente e la First Lady della Repubblica Ceca. Secondo Guinness, il Castello di Praga è il più grande castello antico conservato al mondo.

Statue all'ingresso del castello di Praga

Il pubblico può entrare nel castello e può visitare molte delle mostre e degli edifici che si trovano sulla proprietà. La maggior parte delle aree sono accessibili alle sedie a rotelle e l’ingresso è gratuito per le persone con un documento di invalidità valido. In genere io mi porto una fotocopia della delibera ASL sempre con me e una del pass disabili per l’auto. Se pensate di visitare il castello in inverno, ricordate che la maggior parte degli edifici non sono riscaldati! Come potete notare dalla foto, quando ho visitato io il castello di Praga, la facciata era in ristrutturazione.

la torre del castello di Praga

Per ora credo sia tutto. In realtà ho tante altre cose da raccontarvi di Praga, ma magari lo farò in un altro post. Intanto se volete restare aggiornati iscriviti alla mia newsletter

19 COMMENTS

  1. Effettivamente, ora che mi ci fai pensare, la gran parte delle strade del centro storico si prestano maluccio ad essere percorse in sedia a rotelle, proprio per il fondo irregolare. A volte noi “bipedi” non ci rendiamo conto e non valutiamo questo aspetto, e questo articolo ci insegna a guardare un luogo anche con l’occhio di chi ha limitazioni di movimento

  2. Praga e nella lista delle città da edere il prossimo anno. Considera che per me l’anno inizia a settembre e non a gennaio come tutti i comuni mortali. Non vorrei andare d’inverno, ma altrettanto mi piacerebbe fotografarla con la neve. Sono molto indecisa sul periodo da dedicare a Praga sinceramente

  3. Sono stata a Praga ad Ottobre ma non ero entrata al Municipio quindi non sapevo si potesse salire o probabilmente ne avrei usufruito anche io. Ottimo il fatto che abbiano cercato di rendere il più accessibile possibile la torre. Di base ho trovato Praga abbastanza accessibile a tutti, forse l’unica cosa poco accessibile che ho visitato era il monastero di Strahov.

  4. Ho giusto pubblicato il mio articolo su Praga qualche settiamna fa .. a me, a differenza tua, questa città non è piaciuta molto. Sono comunque contenta che , nonostante non sia una città facile da girare per chi sta su una sedia a rotelle, tu ci sia tornata più volte perché ti è piaciuta 🙂
    Michela

  5. Praga l’ho visitata in inverno, sotto una fitta nevicata. E’ stata una bella esperienza; mi piacerebbe tornarci durante la stagione calda anche per fare foto graziose come le tue. Le mie sembrano ritrarre una guerra stellare. Lo sai la cosa che mi ha fatto sorridere? Vedere una scena alla quale non sono abituato. Nella metro molte persone salivano con gli sci. Erano quelle che abitavano in periferia e li usavano per tornare a casa

  6. Non sono mai stata a Praga e fino ad ora non avevo mai pensato di aggiungerlo nelle mie prossime destinazioni. Dopo aver letto il tuo articolo l’ho subito messo nella lista dei posti dove devo assolutamente andare!

  7. Mi sono innamorata di Praga immediatamente. Ci sono stata soltanto una volta, in inverno. 4 giorni di pioggia e freddo… ma non mi sono mai fermata! E poi avevo l’hotel in piazza della Città Vecchia… una figata! Vorrei tanto tornarci in primavera, o in estate! Praga è stupenda!

  8. Un luogo da visitare che entra nel mio prossimo progetto di viaggio. Non ci sono mai stata ma mi sono innamorata dei monumenti che hai fotografato..attendo il prossimo articolo

    • Ecco, si. All’estero è considerata, in Italia invece assolutamente no. All’estero trovo palazzi antichissimi, medievali e castelli accessibili anche in sedia a rotelle, in Italia iniziano a dirti che “Le belle arti” “Ma è un palazzo antico” e così finisce che non fanno nulla

  9. Prima o poi riuscirò anch’io a visitare Praga!!! Non ho mai fatto attenzione all’accessibilità delle città, sebbene ora andando in giro con passeggino al seguito mi rendo conto di tanti limiti che ci sono, almeno qui in Italia: scalini, marciapiedi senza rampette.. insomma c’è ancora parecchio da fare. Almeno all’estero sembra che la situazione sia migliore!

    • Anche all’estero trovi problemi, però da quanto posso vedere, sono minori e spesso quando ne trovo uno trovo sempre qualcuno, anche turista e non del posto, pronto ad aiutarmi. In Italia non capita…

  10. A volte la sensibilità e l’attenzione delle amministrazioni non basta per rendere accessibile un edificio costruito 500 anni fa. Me ne sono resa conto anche a Bergamo, che si sta prodigando in molti modi per rendere accessibili gli edifici storici, ma purtroppo non sempre è possibile.

    • Questa cosa del “purtroppo non sempre è possibile” la sento dire spesso in Italia, poi vado all’estero, in un paese considerato “indietro” da noi occidentali e trovo accessibili anche castelli del 1200 e chiese medievali, e torri e grotte delle miniere di sale. E capisco che non è “non sempre è possibile” è che “non sempre si trovano le persone che hanno le capacità di trovare le soluzioni giuste”.

  11. L’accessibilitá dei luoghi é un argomento tanto delicato quanto importante. Tutti i luoghi dovrebbero non avere limitazioni, ed invece non é cosí, spesso ci si imbatte in leggi, in regole, dove rendere agibile luoghi storici diventa una trattativa lunga e complessa. Dal tuo articolo si evince che a Praga stanno facendo degli sforzi per rendere questi edifici agibili a tutti e questo é positivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here